L’avventura survival di Sergio Davì, che attraverserà 7 mila miglia nautiche a bordo di un gommone

La partenza è fissata per il prossimo 21 giugno, e l’arrivo previsto dopo 70 giorni. Ma dal porto dell’Arenella di Palermo per arrivare a New York bisogna attraversare i ghiacciai della Groenlandia e le temperature gelide dell’Islanda. Tutto questo non è un problema per Sergio Davì, che si appresta a intraprendere un’avventura estrema. A bordo di un gommone lungo 11 metri, che si stima consumerà circa 19 mila litri di carburante.  

In totale si tratta di percorrere ben 6.700 miglia nautiche lungo una singolare rotta che sale verso il Nord Europa per navigare tra i ghiacci dell’Islanda e della Groenlandia e riscendere verso gli Stati Uniti passando per il Canada. Davì navigherà per lo più in solitaria, con alcuni avvicendamenti a staffetta per le tratte più estreme. La navigazione durerà circa 500, 600 ore e sono previste da 24 a 30 tappe, a seconda delle condizioni meteo e delle difficoltà tecniche che si potranno verificare.

Ma non si tratta solo di un’avventura survival. C’è molto di più. “Ho deciso di andare a nord per fare questo tentativo – racconta Davì – per tentare un’avventura che finora mai nessuno ha tentato”. Tra gli obiettivi di quella che per Davì è una vera e propria missione c’è anche la salute dei mari. Davì vuole fare qualcosa per la tutela dell’ambiente marino attraverso misure di contrasto alle forme di inquinamento da microplastiche. Lo farà grazie al supporto dell’IAS (Istituto per lo studio degli impatti Antropici e Sostenibilità in ambiente marino) in capo al CNR. E poi c’è la voglia di sperimentare e analizzare gli sforzi psicofisici in condizioni estreme.

L’impresa ha anche un nome ben preciso: Ice RIB Challenge. Per seguirla da vicino esista l’app “Sergio Davì Adventures”, disponibile sia su Google Play che su App Store. Con essa sarà possibile tenersi costantemente aggiornati sullo svolgimento dell’impresa e seguire real time il Nautilus Explorer.

Sergio Davì non è nuovo a imprese di questo genere. Nel 2010 ha navigato da Palermo ad Amsterdam (3000 miglia), nel 2012 da Palermo a Capo Nord. Si è poi lanciato Oltreoceano, nel 2015 con la navigazione da Palermo a Rio de Janeiro. Una traversata interrotta a Lanzarote per un incendio ai motori, ma che nel 2017 ha avuto successo. Ora tocca a New York. Meteo e mare permettendo.