Al via la Soap Kayak Race a Imbersago

Giunge alla sua 24esima edizione la gara di canoe più divertente e strampalata d’Italia: la Soap Kayak Race. Canoe di cartone si sfideranno sul fiume Adda, per domarne la corrente. Un appuntamento che ormai è diventato una tradizione della seconda domenica di giugno, a Imbersago (Mi). Quest’anno dal traghetto di Leonardo prenderanno il via due sfide: la Soap Kayak Race Classic riservata ai team maggiorenni e la Soap Kayak Race Kids gara con team composti da genitori-figli.

canoe adda imbersago

la Soap Kayak Race

I partecipanti arriveranno dalla Brianza, dalla Bergamasca, da Liguria, Veneto, Piemonte, Toscana, Svizzera e dalla Francia. Uno solo il motto che unisce organizzatori e appassionati della Soap Kayak Race: “L’Arca di Noè è stata costruita da un dilettante, il Titanic è stato costruito da dei professionisti”.

La regata non prevede come di consueto il doppio attraversamento dell’Adda da una sponda all’altra, ma una sorta di gimcana contro corrente lungo la riva lecchese di Imbersago. I canoisti avranno a disposizione solamente 2 ore di tempo per autocostruirsi la canoa utilizzando 7 metri quadrati di cartone e un rotolo di scotch da pacchi. 

canoe adda

la Soap Kayak Race

Oltre 150 gli iscritti

Sono più di 150 i team iscritti alla competizione: ma saranno solo 50 ad avere il diritto di parteciparvi. Il maltempo che nelle ultime settimane non ha dato tregua non ha permesso agli organizzatori di allestire il pontile “catapulta”. L’alto livello dell’acqua, infine, ha fatto la sua parte e per motivi di sicurezza si è deciso di ridurre di 1/3 il numero dei partecipanti alla Soap Kayak Race.

In palio per i più meritevoli c’è un buono Extreme Waves per la discesa in Rafting in Trentino sul Fiume Noce, meta dei campionati del mondo di Canoa. E oltre ai team “vincitori” delle rispettive gare verranno premiati anche i team “mai partiti” (affondati al varo della canoa) e “mai arrivati”. Sono infatti molti quelli che affondano durante il tragitto. Ma il premio più ambito sarà come sempre quello del “miglior naufragio”.