Selah Schneiter è la persona più giovane ad aver mai conquistato la vetta di El Capitan

È uno dei monoliti più temuti dagli scalatori più esperti, per via dei ripidi strapiombi delle sue pareti. Così non è stato per Selah Schneiter. Questa ragazzina di soli 10 anni è riuscita ad arrivare in cima ai 950 metri di El Capitan scalando The Nose, la sua via più famosa.

Un’impresa eccezionale, che di diritto fa entrare Selah nella storia del climbing. Altri ragazzini in passato sono riusciti ad arrivare in cima, ma nessuno era giovane come lei. Nel 2001 Scott Cory, allora 11enne, scalò The Nose due volte. Nello stesso anno, anche Tori Allen, 13 anni, salì la via. E alla fine dello scorso anno, la via è stata scalata in libera da Connor Herson, 15 anni.

Selah ha effettuato la scalata con il  padre Mike Schneiter (esperto scalatore) e l’amico Mark Regier, in un tentativo che li ha tenuti impegnati sulla parete per cinque giorni. Per la famiglia Schneiter l’arrampicata è parte della loro vita. Furono proprio le ripide pareti di granito di El Capitan che fecero innamorare i genitori di Selah, 15 anni orsono. E la piccola ha cominciato a frequentare la valle di Yosemite quando aveva solo otto settimane di vita. A sette anni saliva già vie di cinque tiri.

Per prepararsi alla salita di The Nose Selah ha dovuto imparare manovre di corda, come fare pendoli e adattarsi alla vita in portaledge e non si pensi che abbia fatto solo il passeggero. La Schneiter infatti ha salito da prima la partenza (Pine Line, una piccola variante dell’attacco originale, il punto di passaggio dal Texas Flake al Boot Flake ed il tratto finale dall’albero alla cima.

“È stata la prima volta che ho pianto di felicità”, ha detto la bambina, che ha una volta ridiscesa ha voluto festeggiare con una pizza. “Non riesco a credere che ce l’ho fatta. Il nostro motto era ‘Come si mangia un elefante? A piccoli morsi’”. Selah adesso pensa di convincere il fratellino, che ha 7 anni, a emulare la sua scalata.