Survival #1 Maggio/Giugno 2018 [PDF]

6,90

Survival&Reporter #1
Maggio/Giugno 2018
PDF scaricabile.

Descrizione

Acquistando questa opzione, dopo il pagamento otterrete il PDF scaricabile.

Dall’editoriale:

“Rise and rise again until lambs become lion”, recita il motto reso celebre dal Robin Hood interpretato da Russel Crow. Ritornare, rialzarsi ma se vogliamo anche risorgere, risorgere sempre, fino a che non si sia raggiunta la propria meta. Ed è proprio questo quello che abbiamo fatto noi di Survival.

Alla fine dello scorso anno ci eravamo lasciati con un editoriale dal sapore amaro che trasudava l’ansia e la delusione di una esperienza che sembrava destinata a morire. Un prodotto vincente, una rivista nuova nel panorama editoriale italiano ma sopratutto una rivista dedicata solo a noi survivalisti, scalatori, viaggiatori, prepper e avventurieri d’ogni dove, che rischiava di sparire stritolata dalle logiche del mercato e da una certa lontananza tra la testa ed il cuore.

Il progetto, come saprete, aveva valicato le alpi ed era arrivato in Italia sull’onda del successo, tutt’ora riscontrabile, della sua cugina di lingua francese a cui va il merito d’aver rotto gli indugi ed aver aperto il sentiero della carta stampata al nostro mondo. Tuttavia realizzare una rivista non è cosa semplice, anche un bimestrale richiede un costante lavoro. In più affrontare traduzioni e “lifting” di articoli era diventato un’attività che non garantiva più gli standard di qualità che vi/ci meritiamo.

Ma come si fa nei casi in cui il panico sta per prendere il sopravvento, nel bel mezzo del bosco, dove non sapete più se conviene andare avanti o tornare indietro, anche noi abbiano fatto uno S.t.o.p.
S= stop (fermati), T= tink (ragiona), O= observe/organize (osserva/organizza), P= proceed (procedi).

E cosi abbiamo creato una squadra, un team per la nostra nuova avventura. Primo grande ostacolo (tutto italiano) da superare la burocrazia, cambiare un nome, una virgola o un editore può rivelarsi una impresa ardua ve lo garantisco. Secondo step: i social, sembrano piattaforme per bambini ma ormai il mondo della comunicazione passa da li e allora ci dobbiamo stare anche noi, tanto più che se il web è definito una giungla finisce pure per farci sentire a casa.
La pagina Facebook ha una nuova grafica e nuovo slancio (lo vedete anche da soli) le foto rimbalzano su Instagram e via verso i lettori via smartphone, tablet o pc.
Ma veniamo alla nostra amata rivista, cosa dirvi?
Nuova grafica, nuovo formato ma soprattuto nuovo nome. Si cari lettori da oggi al posto edicolante chiederete Survival&Reporter.

La scelta nasce dall’esigenza di fare un regalo, per voi, per noi, per tutti. Ma cosa regalare a persone che vivono di kit ultra completi, di gadget d’altissimo standard e di conoscenze quasi infinite in materia?
Semplicemente un nuovo orizzonte, il racconto, la descrizione, la condivisione di esperienze dal mondo. Reportage appunto, che siano dai campi di battagli o che raccontino la conquista della vetta più alta, noi dalle pagine di Survival li regaliamo a tutti voi. Come il famoso 007 “Il mondo non basta” soprattutto a noi e quindi tanto vale conoscerlo assieme.

Ora non ci resta che l’ultimo sforzo, arrivare da tutti voi. In questi mesi in tantissimi ci avete scritto segnalandoci la vostra posizione come fanno dei bravi naufraghi e noi abbiamo visto il segale e arriveremo da voi. Ma voi non smettete di farlo, non smettete di alzare le bandierine arancioni di Survival&Reporter per segnalarci le vostre impressioni, i vostri suggerimenti, o proporci la vostra collaborazione. Sappiate che per noi siete importanti e non siete meri lettori ma compagni di viaggio ed ognuno di voi ha il suo posto all’interno della nostra rivista.

E’ il momento di rimetterci in cammino quindi e di dimostrare che sappiamo fare bene anche noi. Per quanto possa apparire lontano l’orizzonte non è mai un limite. Per noi è una sfida.

di Vittorio Carli