La Super Sky dell’Alta Valtellina utile alle qualificazioni dell’UTMB 2020

Livigno, una delle mecche per gli sport outdoor, sabato 15 giugno inaugurerà l’estate dei runner d’alta quota con un doppio appuntamento da non perdere. Nuovamente tappa di Migu Run Skyrunner World Series, la skymarathon da 34km (2700m d+) richiamerà sulle montagne di confine tra Italia e Svizzera il gotha mondiale della specialità per una sfida a dir poco elettrizzante.

Sono già molti i campioni che hanno confermato la loro presenza a Livigno. Di sicuro ai nastri di partenza ci saranno Petter Engdahl, Oriol Cardona Coll, Pablo Villa, Zaid Ait Malek, Pascal Egli, Pere Aurell Bove, Hillary Gerardi. E tanti altri ancora sono attesi. Perché la Livigno Skymarathon anche quest’anno è una gara utile alle qualificazioni dell’UTMB 2020, l’Ultra Trail del Monte Bianco.

Due le gare. Una per i runner che aspirano all’UTMB: 34 km con 2.700 metri di dislivello positivo. Un percorso che si svolge per lunghi tratti in ambiente selvaggio al confine col territorio svizzero, con passaggi in cresta esposti anche se parzialmente attrezzati e comunque sotto sorveglianza da parte di Guide Alpine e uomini del Soccorso Alpino. La quota massima verrà toccata presso il Monte Saliente a 3047 metri s.l.m.

Per tutti gli altri un percorso più breve, in grado però di regalare le stesse emozioni. La K17, infatti, per tipologia e spettacolarità, non può certo essere definita gara di contorno. Un tracciato di rara bellezza, di 17 chilometri, che in parte ricalca quello della prova principe, ma con un dislivello positivo di soli 1.100 metri. Il percorso segue il tracciato della Skymarathon fino al km 8,7, Ristoro Baitel de la Sascia. Qui si divide dalla Skymarathon imboccando il sentiero che scende lungo la Val Saliente fino in Val Federia, da dove in breve tempo, su tratti sterrati e sentiero, si arriva al traguardo posto nell’area pedonale centrale di Livigno.

La Livigno Skymarathon è una gara che si svolge su sentieri di montagna con tratti impegnativi in salita e in discesa, con alcuni tratti attrezzati con corde fisse, attraversamento di tratti innevati, cenge esposte, ripidi pascoli e pietraie. Per percorrerla è richiesta una buona preparazione fisica e la massima prudenza, perché può definirsi una vera e propria avventura survival.